Vai al menu
Vai al contenuto

POLLINE – POLLINE DEI FIORI
Pollen

Indicazioni

Circolazione sanguigna cerebrale, normalizza la crescita dei capelli, le funzioni epatiche e i valori di colesterolo; esaurimento nervoso, prostata, disturbi alla circolazione, pubertà, carenze alimentari ...

Descrizione

Composizione :
Capsule 100% polline di fiori

Parte utilizzata :
Polline di fiori

I pollini sono costituiti da granuli polverosi detti microspore. Questi granuli sono le cellule riproduttrici maschili della pianta, che andranno a fecondarne il fiore, femminile. Il granulo pollinico è avvolto da una parete spessa che costituisce una protezione e viene liberato nel momento in cui si il gametofito maschile si è sviluppato. Linguisticamente, il polline è un nome plurale.

L’impollinazione avviene tramite il vento che trasporta il polline che va a fecondare i fiori femminili oppure tramite il volo degli insetti impollinatori e dalle api operaie, che raccolgono il polline in boschi e prati, e si spostano da un fiore all’altro, raccogliendo il polline in speciali “cesti” posti sulle loro zampe. Una gran parte del polline viene depositata nell'alveare ed utilizzato per l'allevamento delle larve e per produrre la pappa reale, con la quale verranno nutrile le larve e l’ape regina, che si alimenta esclusivamente con questa gelatina (vedi pappa reale).

Per intercettare le palline di polline raccolte e trasportate dalle api, l’apicoltore applica all’ingresso dell’alveare una “trappola da polline”: per entrare nell’alveare l’ape attraverserà delle restrizioni che ne permetteranno il passaggio solo a patto di perdere le palline. Staccandosi, esse cadranno in un cestello sottostante dove verranno successivamente raccolte.

Il polline viene rimosso più volte al giorno e quindi essiccato all'aria. Variando la composizione del polline e dipende dalla loro origine e la stagione.

Dei 22 più noti amminoacidi acidi proteinogenici ben 20 sono contenuti nel polline. Essi contengono tutti i minerali essenziali e oligoelementi (tra cui sodio, magnesio, potassio, calcio, cromo, stagno, manganese, ferro, zolfo, rame, boro, silicio e fosforo), tutte le vitamine essenziali (vitamina B1, vitamina B2, vitamina B6, vitamina B12, biotina, acido folico, nicotinammide, acido pantotenico, vitamina C, vitamina A, vitamina D, vitamina E, vitamina H, vitamina K, vitamina P), ed enzimi in un rapporto equilibrato. I pollini sono considerati il cibo più completo, poiché quasi tutti i nutrienti e sostanze vitali sono presenti: è energia pura.

Grazie alle sostanze contenute il polline è un ricostituente e rinforzante. Il consumo regolare può compensare una carenza di aminoacidi essenziali, vitamine, minerali e oligoelementi nella dieta. Stimola il metabolismo, per cui le persone sottopeso possono acquistare peso, mentre per le persone obese possono per contro avere una riduzione di peso. Ideale come integratore dietetico durante la gravidanza. Durante la pubertà, il polline può ridurre l’acne e altri fastidiosi disturbi legati agli sbalzi ormonali. La lecitina contenuta nel polline rinforza il sistema nervoso e stimola il metabolismo cerebrale. L'assunzione regolare di polline integra l’alimentazione con sostanze nobili. Si è constatato che l’assunzione regolare di polline rinforza i capelli, le unghie e la pelle. Medici naturopati hanno confermato che piccole quantità di polline possono alleviare i sintomi di raffreddore da fieno. Il polline ricostituisce la flora intestinale e agevolare la guarigione di malattie causate da un impoverimento della flora intestinale.

I prodotti dell’alveare sono potenzialmente irritanti e possono scatenare pericolosi episodi di allergia. Pertanto, prima di utilizzare questi prodotti si dovrebbe preventivamente consultare un medico o un naturopata.

Per i diabetici l’assunzione di polline è sconsigliata, in quanto aumenta i livelli di zucchero nel sangue e inoltre può causare acidità di stomaco.

La dose giornaliera può raggiungere fino a 20 grammi ed è molto ben tollerata, eccezion fatta per le controindicazioni sopra riportate.

Dosaggio

3 – 9 capsule al giorno, con molta acqua
300 mg / capsula

Stampa