Vai al menu
Vai al contenuto

AMAMELIDE
Hamamelis virginiana

Indicazioni

Emoroidi, vene varicose, couperose, disturbi della irrorazione arteriosa, edemi (sangue), embolia, emorroidi (circolazione del sangue), stancezza delle gambe, gastrite, pesantezza dei legamenti, infiammazione gastrica, trombosi, debolezza venosa, infiammazione venosa, stasi venosa, ulcere varicose ...

Descrizione

Composizione :
Capsula, 100% Hamamelis virginia folium & cortex

Parte utilizzata :
Foglie + Corteggia

È un piccolo albero a foglie alterne, originaria dell'America del Nord (della Virginia), molto diffusa in Canada è spontanea in Florida, nel Nebraska e nel Texas. Per i suoi bei fiori gialli, che fioriscono da gennaio ad aprile, l’amamelide viene pure chiamata "arbusto magico". Nel 1735 l’amamelide venne la prima volta portata in Europa e da allora viene impiegata nella cosmetica e soprattutto nei disturbi dell’irrorazione sanguigna. Secondo il reverendo Cutler, gli indiani d'America considerava quest'albero nella loro "materia medica", e ne usavano la scorza come sedativo, nelle malattie della pelle, come antidolorifico e nelle infiammazioni esterne. Il tannino dell’amamelide favorisce l’elasticità delle vene, la stessa è quindi efficace nelle summenzionate indicazioni. La permeabilità dei vasi sanguigni può essere aumentata, soprattutto in abbinamento con la vite rossa o l’ippocastano. La sua principale applicazione è nel trattamento delle varici venose, delle flebiti, tromboflebiti e nella terapia dell'insufficienza venosa. Può aiutare pure in caso di emorragie interne, avendo l’amamelide proprietà vaso-costrittive poiché è la migliore pianta medicinale astringente.

Dosaggio

3 x 2 capsule al giorno con molta acqua prima del pasto
220 mg/capsula

Stampa