Vai al menu
Vai al contenuto

EFEDRA
Ephedra sinica / vulgaris

Indicazioni

Allergia, asma bronchiale, bronchite, debolezza di circolazione, febbre, linfatico (infiammazione dei nodi), orticaria, aumento della produttività, raffreddore di fieno, raucedine, sinusite, tosse secca ...

Descrizione

Composizione :
Capsula, 100% Ephedra vulgaris/sinica herba

Parte utilizzata :
Erba

Già nell’antica Cina si utilizzarono le varie specie di efedra, chiamate Ma-huang, nelle summenzionate indicazioni. Per gli stessi scopi si utilizzarono in seguito anche altre varietà asiatiche ed europee. L’efedra è un piccolo arbusto dall’aspetto simile all’equiseto e cresce fino a 30-50 cm. I rametti giovani si raccolgono in autunno, stagione in cui i principi attivi sono di maggiore efficacia. Dall’essiccazione rapida all’aria si ottiene la droga più preziosa. La sostanza attiva efedrina, un alcaloide stimolante il sistema nervoso simpatico, scioglie i crampi muscolari nella zona bronchiale che causano l’asma e lenisce così gli attacchi di asma. L’efedrina è addirittura in grado di arrestare l’attacco di asma. Assumendo l’efedra per periodi prolungati ed a piccole dosi è possibile ridurre gli attacchi di asma. Lenisce inoltre le bronchiti simili all’asma, la pertosse e normalizza la pressione sanguigna dopo malattie infettive, raffreddore da fieno, orticaria ed altre allergie. Molti popoli assumono l’efedra come afrodisiaco, producendo l’efedrina effetto simile all’anfetamina ed essendo uno stimolante generale provocante la percezione di un piacevole aumento della prestazione psicofisica.

Iperdosaggi possono causare aritmie cardiache. Non somministrare a pazienti che assumono inibitori MAO quali antidepressivi e neppure in gravi casi di ipertensione arteriosa e glaucoma.

Dosaggio

2 - 6 capsule al giorno con molta acqua
250 mg/capsula

Stampa