Vai al menu
Vai al contenuto

CIMICIFUGA
Actea racemosa - Cimicifuga racemosa

Indicazioni

Disturbi della menopausa, carenza di estrogeni, gli stati d'animo depressivi, sindrome premestruale (SPM), dismenorrea, vampate, irritabilità, vertigini, mal di testa ... 



Descrizione

Composizione :
100% Actea racemosa 

 - 250mg/capsula

Parte utilizzata :
Radice

La Cimicifuga è una pianta della famiglia delle Ranunculacee, originaria della parte orientale del Nord America (a ovest del Missouri e Arkansas). Cresce soprattutto in luoghi ombreggiati fino a circa 1500 metri sul livello del mare. La Cimicifuga è una pianta erbacea perenne dal fusto eretto e foglie lisce, che può raggiungere un’altezza fino a 2,5 metri. In Europa fu introdotta come pianta medicinale degli indiani d’America, i quali tagliavano le sue radici a pezzi e le lasciavano asciugare al sole. Dal 19.mo secolo, grazie alla comprovata efficacia, fu introdotta nella medicina erboristica europea per curare molti disturbi ginecologici, per curare la sindrome premestruale (SPM) ed i sintomi della menopausa. Sono stati riscontrati notevoli successi nella cura di disturbi neuro-vegetativi, ha un impatto positivo. Il suo impiego può essere esteso a lungo termine per alleviare i disturbi la menopausa, come alternativa alla terapia ormonale sostitutiva. I suoi componenti quali acteina, cimicifugoside, Cimicifugin sembrano avere effetto simil-estrogenico, che tuttavia non è finora stato accertato. Questi effetti vengono migliorati grazie al contenuto di sostanze quali cistina, acidi fenoli (isoferulico, salicilico), acidi grassi (palmitico, olieco), acido formico, acido acetico e butirrico, tannini e amaro, saponina e racemosina .Studi scientifici hanno confermato che i sintomi della SPM (Sindrome premestruale) e della menopausa vengono alleviati nella misura dell’ 80%. Buoni risultati sono stati ottenuti anche alternando l’assunzione di Cimicifuga con Agnocasto.. La medicina tradizionale cinese classifica Cimicifuga come rinfrescante e dal gusto dolce. Tra gli indiani del Nord America, la radice veniva utilizzata come tonico. Sono pure stati osservati effetti rilassanti sugli organi sessuali femminili e antinfiammatori articolari in caso l'artrite e di sciatalgie, così come per acufeni. L’assunzione di Cimicifuga può protrarsi per lunghi periodi senza effetti collaterali. Efficace la sinergia con altre piante quali la Salvia e Igname.

Stampa